Home Italia e Esteri Massimo Citro della Riva contestato nell’Intervista Radiofonica: scoppia la polemica su Rai...

Massimo Citro della Riva contestato nell’Intervista Radiofonica: scoppia la polemica su Rai Radio1

2
329 views
Marcello Foa - Massimo Citro della Riva
Marcello Foa - Massimo Citro della Riva

Nelle ultime ore, un acceso dibattito ha infiammato l’opinione pubblica in seguito all’invito di un medico critico nei confronti dei vaccini a un noto programma radiofonico di Rai Radio 1. La controversia si è concentrata sul fatto che il medico ospite, Massimo Citro della Riva, è noto per le sue posizioni critiche riguardo ai vaccini.

Il dibattito ha preso vita durante la trasmissione “Giù la maschera,” condotta da Marcello Foa, in cui il dottor Citro della Riva ha condiviso le sue opinioni sul trattamento dei pazienti affetti da Covid-19 e ha espresso dubbi sull’efficacia e sulla sicurezza dei nuovi vaccini sviluppati per contrastare il virus.

Le affermazioni del medico hanno suscitato una reazione immediata da parte di alcuni membri del Partito Democratico, che fanno parte della Commissione di Vigilanza Rai. Essi hanno espresso preoccupazione e chiesto spiegazioni sulla decisione di dare voce a un medico “NO VAX” con opinioni così controverse in un momento in cui la lotta contro il Covid-19 continua a rappresentare una sfida prioritaria.

I rappresentanti del Partito Democratico hanno dichiarato: “La Rai deve con urgenza spiegare come sia stato possibile invitare a parlare di Covid Massimo Citro della Riva, lo psicoterapeuta sospeso dall’Ordine dei Medici proprio per le sue teorie critiche riguardo ai vaccini. Questo signore, un complottista e negazionista che si è rifiutato di vaccinarsi affermando che non intendeva ‘diventare un Ogm’, per quindici minuti è stato intervistato su Rai Radio 1 nella trasmissione condotta da Marcello Foa ‘Giù la maschera’. In un momento così delicato dell’azione di contrasto al Covid, con dati nuovamente preoccupanti sia nel numero dei contagi che delle vittime, il Servizio di informazione pubblico non dovrebbe avere l’obbligo di puntare sulla scienza nell’offrire le informazioni più corrette e utili alle cittadine e ai cittadini italiani?”

La Rai, in risposta alle affermazioni del medico Citro della Riva, ha rilasciato una dichiarazione ufficiale in cui si dissocia nettamente dalle sue posizioni. L’emittente ha sottolineato che le affermazioni del medico sono gravi e potrebbero causare confusione nell’opinione pubblica, mettendo in discussione l’efficacia delle cure e la sicurezza dei vaccini, che sono elementi chiave nella lotta contro la pandemia di Covid-19.

2 COMMENTI

  1. Come sempre il PD corre immediatamente a limitare subito la “democrazia” e i “Diritti costituzionali” rispetto alla libertà di pensiero e parola. Subito tutti i burocrati a servizio di padroni ideologici e non solo, gridano allo scandalo e corrono a fermare e censurare il Professore per le sue pericolose “idee critiche” ma che con attenzione non hanno mai definito “false” e tantomeno dimostrate errate. Proprio per questo il pd degli oligarchi e degli scienziati prezzolati ha sempre preteso di dominare il concetto di “pubblico”, anche se il pubblico in origine è “il popolo che mantiene la cosa pubblica”, la rai pubblica, che vota e che dovrebbe essere “sovrano”…ma che appunto non vogliono che torni popolo perchè ovviamente lo vogliono gregge…e che non ascolti altre verità al d’infuori delle loro menzogne (se no la lottizzazione in rai a cosa servirebbe?) ….come quando fanno vedere che si preoccupano della gente (che invece continua a morire ed ad aggravarsi o ad ammalarsi) che vanno protetti dalla possibile “…messa in discussione dell’efficacia delle cure e della sicurezza dei vaccini..” e invece la gente comincia a svegliarsi e anche e soprattutto grazie ad Uomini colti e coraggiosi come il Prof. Della Rovere e alla stoltezza e la meschinità di questi politici dittatori che si dichiarano di essere di sinistra e invece dimostrano di essere più censori, indemocratici, discriminatori e dittatori più fascisti dei Fascisti!

  2. pagliacci, buffoni, mentitori consapevoli. Il vaccino uccide più del virus!!! Perché non fanno le autopsie ai 20enni, sani e sportivi, che muoiono all’improvviso di infarto? Un 20enne sportivo che muore di infarto??? Perché non le fanno e non ne rivelano il contenuto. Basta leggere i giornali per trovare notizie di morti in età giovane o sui 50 che si sono spenti all’improvviso. Mio cugino è morto così, sul divano. Sano, magro, giovane, si è seduto ed è morto. Ma vi sembra normale? Ed è stato dimostrato da una ricerca sino-americana che la proteina spike del vaccino UCCIDE. Leggete: https://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/salute_bambini/medicina/2021/05/11/covidspike-danneggia-direttamente-cellule-di-vasi-sanguigni_6ba56a18-2c1a-48c5-9ae5-51a7204054f9.html
    Infine, è vergognoso che il governo Meloni, che tanto faceva la paladina dei no vax e che avrebbe combattutto contro tutto ciò che la ridicola, inutile, vergognosa campagna contro il covid comportava, ora attacchi un no vax che HA ELEMENTI SCIENTIFICI CHIARI E DIMOSTRATI IN MANO.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here