Home Economia e Lavoro Un concorso creativo per le scuole per i vent’anni di Arezzo Casa

Un concorso creativo per le scuole per i vent’anni di Arezzo Casa

Scuole primarie e scuole secondarie di primo grado sono invitate a interrogarsi sul “diritto alla casa”

0
80 views
Arezzo Casa - Fabrizio Raffaelli
Arezzo Casa - Fabrizio Raffaelli

AREZZO – Un concorso creativo rivolto alle scuole per i vent’anni di Arezzo Casa. L’anniversario dell’ente pubblico sarà scandito da un ciclo di iniziative volte a promuovere occasioni di incontro, riflessione e dibattito aperte a tutta la cittadinanza per approfondire i temi dell’abitare tra presente e futuro, con il primo progetto che è stato rivolto proprio alle giovani generazioni. L’intenzione è di coinvolgere gli alunni delle scuole di diverso grado dell’intera provincia per valorizzare e condividere il loro sguardo sul “diritto alla casa” attraverso la creazione di opere finalizzate a stimolare un pensiero critico sulla centralità di questo argomento nella vita di persone di ogni età.

Le scuole primarie sono state invitate a mettersi alla prova in un concorso di disegno a mano libera e con ogni tecnica sull’ambito “La casa che vorrei”, mentre “Regalaci un pensiero” è il titolo del concorso di scrittura rivolto alle scuole secondarie di primo grado. Intere classi o singoli studenti potranno poi scegliere come declinare ulteriormente il loro lavoro tra due distinti sottotemi: “Abitare in una Casa Ideale, dentro un Quartiere Ideale” o “Io vivo in una Casa Popolare: cosa manca e cosa vorrei farla diventare”. Gli elaborati dovranno essere completati entro giovedì 23 maggio, poi una giuria individuerà i migliori in termini di qualità e di attinenza all’argomento che verranno annunciati sul sito web di Arezzo Casa. La conclusione di questo percorso è prevista in occasione del festival “AC20 – Il futuro dell’abitare” che, in programma da lunedì 23 a domenica 29 settembre, proporrà eventi tra la città di Arezzo e le quattro vallate, con dibattiti, incontri con specialisti internazionali del settore, mostre, letteratura, laboratori creativi e attività sportive. In questa occasione verranno premiate le prime tre opere classificate delle scuole primarie e delle scuole secondarie di primo grado del Comune di Arezzo e di ciascuna vallata, ma tutti gli elaborati saranno contestualmente esposti in una mostra per valorizzare il contributo di ogni bambino e di ogni ragazzo. «Il futuro di una città o di un quartiere dipende dalle giovani generazioni – commenta Fabrizio Raffaelli, direttore di Arezzo Casa. – Gli studenti di oggi saranno i cittadini di domani e, partendo da questa consapevolezza, abbiamo scelto di avviare il percorso dei nostri vent’anni insieme a loro. Vogliamo, infatti, riportare al centro dell’attenzione il tema della casa e riuscire a immaginare un Paese dove, un giorno, il diritto alla casa per tutti non sia un’utopia: nessuno può parlare di sogni, aspettative e bisogni meglio dei giovani, dunque ci sembrava doveroso renderli veri protagonisti del nostro festival dedicato al futuro dell’abitare».

Ufficio Stampa
Arezzo Casa

NO COMMENTS

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here